La mia storia è la strada che porta alle Grange …

Non è facile sintetizzare in poche righe la storia che porta alle Grange ma ci proverò.
Vengo da una famiglia che si occupa di arte dal 1975 tra Ancona, Milano e Cortina d’Ampezzo. La mia casa è sempre stata frequentata da pittori, scultori, grandi artisti del secondo ‘900, mercanti d’arte e da esponenti del mondo della cultura, personaggi legati ai miei genitori prima che da un rapporto di lavoro, da amicizia e rispetto. Enzo Cucchi, Orfeo Tamburi, Aligi Sassu, Salvatore Fiume, Renato Guttuso, Ennio Morlotti, Giancarlo Cazzaniga sono solo alcuni dei Maestri passati in galleria e alla nostra tavola. Spesso infatti quando venivano a trovarci amavano sedersi a casa con i miei a gustare i manicaretti di pesce che nonna Fulvia cucinava. Quest’ultima aveva le mani d’oro in cucina, visto il suo passato da ristoratrice. La Casa del pescatore al porto di Ancona era un locale semplice, senza fronzoli ma nonna e il suo pesce rigorosamente fresco, la sua ricetta segreta del sugo con i moscioli (che ho ereditato), è diventata famosa ed il suo ristorante il preferito dai locali ed anche dai vip del tempo come Nicola Arigliano, Raf Vallone e, più di tutti, dalla splendida Virna Lisi.
Insomma, le mie origini sono queste: arte, cucina e genuinità marchigiana. Mettici in più la passione per i viaggi e l’amore per la natura. Quando andavamo a trovare in campagna gli altri nonni, Augusto e Adalgisa, ero nel mio ambiente, felice e rapita dalle corse sui campi, dall’uovo che nonno ci faceva bere fresco, dall’orto con i suoi colori e dagli animali di bassa corte che scorrazzavano sull’aia.
Quindi, saltando tanto altro, arriviamo ad una trentina di anni fa quando ho aperto il primo agriturismo a poche centinaia di metri da quello attuale, dalle Grange. C’era anche il maneggio di cavalli e, più tardi, un piccolo bar-ristorante. Al tempo erano in pochi a sapere cosa fosse un agriturismo, di contro oggi è una tipologia di soggiorno molto amata soprattutto per il contatto con la natura. Nel frattempo ho tenuto saldo il cordone ombelicale con il passato seguitando ad occuparmi di arte e a scrivere e nel 2000 sono diventata giornalista. Da allora da un lato collaboro con quotidiani e riviste e mi occupo di comunicazione e dall’altro ho continuato a specializzarmi in cucina e sull’accoglienza.
Amo definirmi agri-giornalista, giornalista e contadina, due amori, due passioni che mi riempono la vita e che ho la fortuna di vivere alle Grange dal 2005, anno in cui mi ci sono trasferita. Come avrete capito questo agriturismo, oggi country house è un posto magico, un rifugio, il mio mondo, il mio tutto. E’ la Bellezza con la B maiuscola, perché il Conero è Bellezza allo stato puro. Le Grange è la sintesi perfetta delle mie origini e di ciò che amo e il desiderio che ho è di condividere la pace che si respira tra i suoi angoli con chi decida di passarci le vacanze.
Ed a proposito di relax raccomando a tutti di avvicinarsi a questo angolo di paradiso con la sola voglia di star bene. Di lasciare ogni stress e fissazione fuori dal cancello: qua è vietato contaminare l’aria di serenità che si respira perchè non c’è spazio per alcuna negatività, ma per persone in pace con se stesse e con il mondo. In poche parole alle Grange ci si rispetta, non si litiga, non si grida, non si sporca, non si disturba il prossimo…insomma, non si rompono le scatole. Ognuno deve sentirsi libero di fare la vacanza che desideri nel rispetto degli altri.
Noi non siamo persone invadenti, tutt’altro. Siamo comunque disponibili e pronte ad accogliere ogni necessità, basta chiedere.
Gestiamo questa Country House a livello familiare. Siamo felicemente incorniciati da quel territorio d’eccellenza che è il Parco del Conero, trovandoci entro i suoi confini, nel contesto turistico della Riviera del Conero, a soli 700 metri dalle spiagge, in posizione panoramica. Interna c’è una piscina con idromassaggio per gli ospiti e in estate forniamo gratuitamente il posto spiaggia in uno stabilimento balneare del lungomare. La tenuta è di più di un ettaro a corredo di una cascina tipica marchigiana ed annessi. Le camere sono con vista mare, Monte Conero e Loreto, dotate di bagno privato e aria condizionata. Il piano superiore del casolare racconta ancora la vita di un tempo con il camino e la cucina a legna in muratura dove ci si scaldava e si preparava da mangiare, nella grande stanza dal soffitto a travoni in legno a vista e dal pavimento in cotto originali. Sull’ampio giardino che circonda la tenuta sono posizionati tavoli, sedie e sdraio per godersi il sole. Nella dependance la colazione è a buffet con dolci fatti in casa. Si consuma in tavoli all’aperto e nel salone in legno dall’ atmosfera calda ed avvolgente, con ampie vetrate attraverso le quali ammirare il paesaggio.
In conclusione penso che le Grange sia la soluzione ideale per chi desideri trascorrere una vacanza informale, spensierata e in pace, a due passi da tutto.
Vi aspettiamo a braccia aperte!

Cristina

The Farmhouse – Country House Le Grange del Conero is a family-run business located in the Parco del Conero and at the same time in the Conero Riviera. At 700 meters from the beaches, in a panoramic position, it has an indoor pool with jacuzzi for guests and in summer it provides them with free beach place. Cristina, agri-journalist, grew up in the complex and marvelous world of art, with a boundless love for nature, so much so that she had already made thirty-five of the Agriturismo a life choice, shared also by her family. You, Giorgio and the boys, are not intrusive people but ready to provide any kind of indication and advice on how to spend the best holiday, depending on your needs. Just ask!

Inside the company there is a typical Marche farmhouse: the rooms have a sea view, Monte Conero and Loreto. They are equipped with a private bathroom and air conditioning. The upper floor of the farmhouse is characterized by the exposed wooden beams and the original terracotta floor of the house. The ground floor is modern and welcoming. Here the rooms face directly outside. On the large 1-hectare garden surrounding the estate there are tables, chairs and deckchairs to enjoy the sun. In the annex, breakfast is buffet style with homemade or savory pastries upon reservation. It is consumed in outdoor tables and in the wooden living room with a warm and enveloping atmosphere, with large windows through which to admire the landscape. The swimming pool with hydromassage is definitely relaxing. Speaking of relaxation Cristina recommends those who decide to spend their holidays at the Grange, to approach this corner of paradise with the sole desire to feel good. To leave all stress and fixation outside the gate: here it is forbidden to contaminate the air of serenity that you breathe, simply because those who live there are aware of being in an Eden. So, there is no room for any negativity, but for people at peace with themselves! In a nutshell Grange respects you, do not fight, do not cry, do not get dirty, do not disturb the next … in short, do not break the boxes !!